SECAP

OT4

Sostenere la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio in tutti i settori

Il progetto in numeri
Durata:
36 mesi
Inizio: 01.11.18
Fine: 31.10.21
N. Partner: 10
 
Stato di avanzamento del progetto
Budget totale:
2.940.351,30€
Contributo FESR:
2.499.298,58€

The project in numbers

Durata: 
36 mesi
Start / End: 
01.11.18 to 31.10.21
Stato avanzamento progetto: 
16%
Budget: 
2940351.30€
Contributo FESR: 
2499298.58€

SECAP

Supporto alle politiche energetiche e di adattamento climatico
Asse prioritario 2

Cooperazione per la realizzazione di strategie e piani d'azione per la riduzione delle emissioni di carbonio

Obiettivo specifico: 
OS 2.1.
Priorità d'investimento: 
PI 4e
Tipologia: 
Strategic
Obiettivo Complessivo del Progetto: 

L’obiettivo complessivo di SECAP è di incentivare lo sviluppo sostenibile del territorio trasfontaliero, promuovendo strategie per basse emissioni di carbonio per tutti i tipi di territorio, in particolare le aree urbane, creando pertinenti misure di adattamento e mitigazione (Asse 2 priorità 4e). Il progetto, infatti, porterà alla condivisione transfrontaliera di strumenti, metodologie e banche dati e genererà ricadute positive sulla pianificazione locale di tutta l’area programma. La transizione verso una società a basse emissioni di carbonio troverà attuazione negli interventi infrastrutturali dei PP4 e PP10 e nell’evoluzione dei PAES in PAESC per alcuni Comuni/UTI/Città metropolitane. Si promuoveranno pertanto i modelli di sviluppo sostenibile del Patto dei Sindaci con miglioramento della qualità di vita e della resilienza ai cambiamenti climatici.

Sintesi del progetto: 

La sfida comune che il progetto si propone è di offrire un supporto pratico ai Comuni dell'area partner per l'implementazione di politiche energetiche sostenibili e di adattamento climatico, che si riflettono nella transazione dai SEAP in SECAP. L’obiettivo principale del progetto è di migliorare la pianificazione energetica da parte degli operatori locali, puntando sul risparmio energetico, sulle energie rinnovabili, sulla riduzione delle emissioni di CO2 e sulle misure di mitigazione connesse alle variazioni climatiche in essere. Il cambiamento, che si vuole attuare, deriva dalla scelta di un approccio transnazionale strategico, che porterà a sviluppare misure di adattamento tempestive, che garantiscano coerenza tra i diversi settori e livelli di governance, al fine di capire gli impatti dei cambiamenti climatici e di attuare politiche per un adeguamento ottimale, attraverso lo sviluppo di strategie regionali e locali, coerenti con quelle nazionali. La presenza di Ministeri sloveni, quali partner associati, e della Regione FVG garantisce la condivisione delle scelte con organismi di governance per assicurare la coerenza della strategia con i piani d’azione e con le politiche di sviluppo nazionali e regionali. I risultati saranno una strategia transfrontaliera unitaria, che garantirà la transazione verso un’economia verde, proponendo nuove opportunità di lavoro; sessioni formative per i Comuni e sensibilizzazione dell’opinione pubblica; transizione di alcuni PAES in PAESC; altre azioni pilota volte a definire metodologie per un PAESC adattato ai bisogni locali, nonché piccoli investimenti infrastrutturali per monitorare le emissioni in atmosfera ed i consumi energetici.

Risultati principali: 

I principali risultati attesi dal progetto SECAP sono: 1.- studio sull’impatto del cambiamento climatico sull’Area Programma con reports metodologici e BEI per i Comuni coinvolti. A tal fine si testerà una metodologia comune da fornire alle PA per la definizione, in modo efficace e con costi ridotti, delle BEI e delle MEI (inventario & monitoraggio emissioni). La cooperazione fra PP che hanno competenze scientifiche consolidate, accanto alle esperienze portate da soggetti che “governano” i territori a vari livelli, garantirà una efficace pianificazione trasfrontaliera per la riduzione delle emissioni di carbonio (OS2.1 del CP ITA SLO). Lo scambio di buone prassi fra PP, ma anche la capitalizzazione di esperienze pregresse e di successo sul tema dell’efficientamento energetico (con particolare attenzione al Patto dei Sindaci), porterà alla redazione di una strategia congiunta per ottimizzare il consumo delle risorse esistenti. 2.- creazione di un inventario delle strategie, misure e progetti già definiti ed utili all’aumento della resilienza urbana, creazione di database online bilingue di statistiche e dati sull'energia/clima/ambiente e di un atlante italo-sloveno della vulnerabilità dei territori con approfondimenti su scala urbana. Sulla base di quanto detto si procederà con un approccio coordinato per ottenere la conversione di SEAP in SECAP, con un focus sulla transizione dalla mitigazione all'adattamento. Con le linee guida si promuoverà l'ingresso di quei Comuni ancora fuori dal processo SEAP/SECAP. Queste linee guida saranno trasfrontaliere ed uniche per il territorio italiano e sloveno, in quanto condivise tra tutti i PPed esito del lavoro integrato di WP3.1/3.2/3.3-interventi di sviluppo di piani di azione ed altre attività concrete. SECAP vuole sperimentare l’efficiacia del lavoro svolto con l’accompagnamento di alcuni Comuni nel percorso di trasformazione di SEAP in SECAP, sia in Italia che in Slovenia. Dopo un percorso formativo, i Comuni verranno supportati dai PP nella redazione dei SECAP (almeno 10 ). In Italia si valuterà come redigere SECAP di area vasta (per es. nel territorio del PP4 o in FVG coinvolgendo le UTI). In ogni caso, se il SECAP sovracomunale non sarà redigibile, saranno i singoli Comuni a venir coinvolti per l’attuazione dell’attività. Inoltre si incoraggeranno i Comuni verso l’efficientamento energetico creando interventi per un migliore uso delle risorse energetiche, con conseguente riduzione delle emissioni, relizzando un audit energetico ed una pubblicazione sintetica sulle buone prassi esistenti e la loro replicabilità. Gli interventi infrastrutturali di SECAP non mirano ad attuare pienamente le strategie elaborate nelle fasi precedenti, ma hanno un ruolo dimostrativo e forniscono elementi e esperienze tangibili che contribuiranno attivamente a testare gli interventi di risparmio energetico. Tali risultati daranno un contributo effettivo all’indicatore 2.1.1 d per l’OS 2.1, perché sia direttamente che indirettamente, si migliorerà il livello della capacità delle città, interessate dalle azioni di progetto, a ridurre i propri consumi di energia negli edifici pubblici. Inoltre, dallo sviluppo di una stategia unitaria transfrontaliera di mitigazione ed adattamento e dal passaggio dei SEAP ai SECAP, si prevedono ricadute positive su tutta l’area Programma, garantendo continuità di cooperazione per rafforzare le azioni volte ad agire sui gas serra, resilienza e mitigazione/adattamento ai cambiamenti climatici con diretta integrazione dei risultati nella programmazione/pianificazione regionale e nazionale con le Strategie di Adattamento ai Cambiamenti climatici di Italia e Slovenia.

Partner

Partner capofila

Regione Fvg Direzione Centrale Ambiente ed Energia

Trieste
ITA

Partner progettuale n.1

Universita' degli Studi di Trieste

Trieste
ITA

Partner progettuale n.2

Area Science Park

Trieste
ITA

Partner progettuale n.3

Citta' Metropolitana di Venezia

Venezia
ITA

Partner progettuale n.4

Università Iuav di Venezia

Venezia
ITA

Partner progettuale n.5

Unioncamere del Veneto

Venezia
ITA

Partner progettuale n.6

Golea - Agenzia Per L'energia Di Nova Gorica

Goriška
SLO

Partner progettuale n.7

Leag - Agenzia per l'energia della Gorenjska

Gorenjska
SLO

Partner progettuale n.8

Rra Lur

OSR
SLO

Partner progettuale n.9

Comune di Pivka

PRN
SLO

Obiettivi e attività

1. Elaborare scenari che illustrino il possibile impatto dei cambiamenti climatici sul territorio e porre le basi della strategia transfontaliera

Per creare una strategia trasfrontaliera unitaria, i PP analizzeranno e approfondiranno - in ottica di un downscaling delle informazioni - gli scenari di cambiamento climatico definiti dall’IPCC (2030-2050 e 2070/2100) allo scopo di definire gli impatti sull’ambiente e sulle attività umane prendendo in considerazione sia gli impatti diretti sia quelli indiretti. Si svilupperà e testerà una metodologia comune trasfrontaliera per la definizione delle IBE e delle IME, con l'elaborazione di mappe di emissioni climalteranti, fornendo anche proiezioni al 2030. L’obiettivo è quello di fornire dati, informazioni ed indicazioni operative ai Comuni, quali basi della strategia unitaria tenendo, in debito conto altresì i vincoli normativi e la risorse finanziarie e umane disponibili. L’obbiettivo è anche prevedere proposte di sistemi di monitoraggio che garantiscano le verifiche nel tempo dell’efficacia delle misure applicate, grantendone la durata e l’efficacia.


2. Sviluppare una strategia unitaria transfontaliera di mitigazione ed adattamento ai cambiamenti climatici

L’obiettivo è creare una strategia transfrotaliera che porti alla diminuzione della vulnerabilità dei territori transfrontalieri, rispetto ad un impatto atteso, aumentandone di fatto la loro resilienza. La strategia verrà sviluppata nell’ottica dell’integrazione con la pianificazione territoriale e di settore esistenti, nonché con le politiche europee e nazionali. Scopo specifico è altresì definire le metodologie per l'elaborazione di un SECAP che possa essere adattato ai bisogni e alle specifiche regionali. L’obiettivo mira ad allineare le città al Patto dei Sindaci per il Clima e l'Energia (Mayors Adapt), mettendo le autorità locali nelle condizioni di declinare la strategia e le misure di adattamento, al fine di convertire i loro SEAP in SECAP o almeno di integrare gli strumenti di pianificazione locale verso una prospettiva di adattamento. Per rendere più facile la declinazione nell’area programma verranno redatte linee guida, con un contenuto di natura urbanistico/territoriale e regolativa, che permetteranno di far comprendere ai Comuni la necessità di una compresenza forte della componente di transizione e di adattamento negli strumenti ordinari e settoriali di governo del territorio.


3. Attuare il processo di transizione da SEAP a SECAP

L’obiettivo è orientare ed accompagnare i Comuni nella redazione di piani che coniughino mitigazione/adattamento, nella prospettiva di una pianificazione integrata e a bassa emissione di carbonio propria del modello del Mayor Adapt. Si vuole favorire l'inclusione delle misure di adattamento nella pianificazione ordinaria per integrarle con quelle esistenti nell’ottica di una riduzione dei rischi. Ciò significa che le autorità locali saranno in grado di presentare l’approccio di adattamento come parte integrante della loro pianificazione urbana, con l’idea di partire dall’esistente per costruire il più possibile su meccanismi, politiche e procedure che generino continuità con quanto già fatto in essere. In tale ottica si delinea un processo di accompagmanento delle PA, che si concretizzerà nell’organizzazione di workshops di formazione sul tema della redazione dei SECAP per i Comuni dell'area del Programma ed help desks specifici, nella trasfomazione di alcuni SEAP in SECAP, in specifici interventi infrastutturali che vogliono contribuire alla riduzione dell’inquinamento atmosferico e migliorare l’impiego di energia negli edifici pubblici e a dimostrare tecniche di riduzione della vulnerabilità da eventi atmosferici estremi.

Contatti

Regione Fvg Direzione Centrale Ambiente ed Energia

0039 0403774545
Piazza Unita'd'Italia 1, 34100, Trieste, Italia
Sebastiano Cacciaguerra

Universita' degli Studi di Trieste

0039 040 5583506
Piazzale europa 1, 34127, Trieste, Italia
Marco Manzan

Area Science Park

0039 040 3755111
Padriciano 99, 34149Trieste, Italia
Fabio Tomasi

Citta' Metropolitana di Venezia

0039 041 2501971
San Marco 2662, 30124, Venezia, Italia
[email protected]TAMETROPOLITANA.VE.IT
Massimo Pizzato

Università Iuav di Venezia

0039 041 2571444
S. Croce - Tolentini 191, 30135 Venezia
Francesco Musco

Unioncamere del Veneto

0039 041 0999411
Via delle Industrie 19/D, 30175, Venezia, Italia
Roberta Marciante

Golea - Agenzia Per L'energia Di Nova Gorica

00386 5 393 24 60
Trg Edvarda Kardelja 1, 5000, Nova Gorica, Slovenija
Ivana Kacafura

Leag - Agenzia per l'energia della Gorenjska

00386 5 992 49 74
Stara Cesta 5, 4000, Kranj, Slovenija
Matjaž Grmek

Rra Lur

00 386 1 306 1902
Tehnološki park 19, 1000, Ljubljana, Slovenija
Matej Gojčič

Comune di Pivka

00 386 05 7210 100
Kolodvorska Cesta 5, 6257, Pivka, Slovenija
Glažar Boštjan